ECONOMIA E SVILUPPO TERRITORIALE

Economia e lavoro

Fiesso d’Artico per la sua posizione geografica risente in modo particolare dei problemi occupazionali che stanno colpendo le aree industriali di Porto Marghera e del Padovano, specialmente dopo quest’anno e mezzo di pandemia e di crisi sanitaria.

Ancora oggi, infatti, molti cittadini trovano necessariamente lavoro fuori dal nostro territorio; si scontrano quindi con una crisi ancora dura e con i problemi che ne derivano.

Riteniamo che la futura Amministrazione dovrà aprire un tavolo permanente con le associazioni imprenditoriali e artigianali, i sindacati, le banche e gli enti preposti e fare da garante, da stimolo e da erogatore di servizi concreti per risolvere i problemi occupazionali e produttivi che sono già in essere e che verranno in futuro.

Attività produttive, commercio e turismo

Quando parliamo di attività produttive, commercio e turismo dobbiamo privilegiare il punto di vista dell’utenza, di chi cioè deve acquistare e consumare, tenendo sempre presenti le peculiarità del territorio. Teniamo conto che molti cittadini hanno il diritto o la volontà di non usare l’auto per fare la spesa e quindi devono trovare nel tessuto urbano ciò di cui necessitano.

Quindi:

  • Va garantito e consolidato il commercio nel centro di Fiesso; a tale riguardo va consolidato e quindi sviluppato il Piano per il Commercio. La prospettiva è di avere un incremento dell’offerta e maggiori occasioni anche per i commercianti per svolgere al meglio le loro attività.
  • Vogliamo valorizzare maggiormente il commercio agricolo a chilometro zero, dove le produzioni locali vengono tutelate e i costi per i consumatori ridotti.
  • Dovrà essere compito della futura amministrazione sensibilizzare le associazioni di categorie per istituire un marchio di qualità della Riviera del Brenta; quest’ultimo dovrà coinvolgere le istituzioni e le associazioni interessate e fare da garante per cercare di arrivare ad un controllo della qualità delle produzioni locali, garantendo la qualificazione dei processi produttivi e dei sistemi gestionali, la specializzazione delle attività del territorio, il rispetto dell’ambiente, la sicurezza e la salute dei lavoratori.
  • Va inoltre valorizzato il turismo culturale rafforzando le specificità della Riviera del Brenta, delle sue ville e dei suoi percorsi naturalistici. Tutto in collaborazioni con gli enti preposti, le associazioni di categoria e culturali, nonché gli atenei già impegnati in questa direzione. Si dovrà consolidare una collaborazione attiva con i gestori degli apparati ricettivi presenti nel territorio. Ricordiamoci che la Riviera del Brenta rappresenta per i turisti di ogni latitudine una meta ambita, culturalmente elevata e ricca di una tranquillità e di un benessere unici nel panorama regionale.

A tale riguardo è fondamentale valorizzare le iniziative culturali che vengono ideate e condotte dalle associazioni di volontariato; la programmazione di manifestazioni di ogni tipo è ricchissima, ma necessita di un aiuto e di un consolidamento.

  • I due ultimi punti richiedono una programmazione a scala sovracomunale: proponiamo che la prossima Amministrazione comunale di Fiesso si faccia carico di promuovere i passi necessari.

3 pensieri su “ECONOMIA E SVILUPPO TERRITORIALE

  1. Paolo dice:

    Mi auguro che questa lista, se dovesse raggiungere il risultato elettorale sperato, sappia gestire tutte le problematiche relative alla viabilità e alla tutela del paesaggio e alla salvaguardia del patrimonio artistico e sappia ascoltare anche le esigenze del singolo cittadino.

  2. Frison Vanda dice:

    Vorrei suggerire per FIESSO la costruzione di una nuova strada interna che va dal supermercato interspar fino alla congiunzione con Stra , di modo che tutti i cittadini che per la maggior parte abitano il lato nord del paese non sia più necessario immettersi nella rotonda e poi nella statale ingombrando traffico e rendendo pericolosa la manovra ! Una strada interna che serva tutta la parte nord renderebbe più fluido il traffico in statale e agevolerebbe gli abitanti di FIESSO ! Inoltre voglio far presente che le tabaccherie di FIESSO sono inadeguate a svolgere i nuovi servizi bancari che hanno assunto ! Se prima le banche utilizzavano ampi spazi ora le tabaccherie con i nuovi servizi sono inadeguate sua per lo spazio che per la privacy ! Nello stesso ambito Dive prima svolevano solo pochi servizi intrinseci alla loro attività su è aggiunto un grosso servizio bancario con molta più frequentazione di gente ! Non è possibile svolgere tutto ciò in un ambiente striminzito non adeguato ! Senza considerare che neanche il personale e ‘ adeguato a questi servizi ! Vorrei che nel pensare ad un paese più innovativo e all’avanguardia si tenesse conto anche di tutto ciò ! Graxie

  3. Alberto Ascari dice:

    La nuova giunta dovrà per forza fare cassa con la vendita di vecchi immobili in disuso. Dovrà cercare di sistemare la viabilità interna con marciapiedi e laddove esistenti risistemarli(e sono tantissimi. Creare una strada interna da via stramazzo verso l Interspar dato che un marci o una ciclabile dal centro paese sino a li non verrà mai attuata da veneto strade. Il bisogno laico di spazi per giovani con tutti i servizi. La gente di Fiesso d’Artico ha bisogno di ritrovarsi di identificarsi non solo in un bar e nell’ andare a messa. Ha bisogno di sapere e sentirsi in centro. È lavoro per l’assessorato ai lavori pubblici questo. E nel centro si deve trovare il modo di accomodarsi a nuove panchine tavoli fissi e sedie per gli scacchi. È l’obiettivo di in assessorato alle attività sociali. Che va oltre i bisogni poi delle singole famiglie. Bisogno di riqualificare le attività smesse. Con acquisizioni di vantaggio o affitti decenti per fare ripartire l’economia del paese. Un paese che funziona porta ricchezza. Il ritorno delle banche sarebbe il primo sintomo. Candidato sindaco,lei e la sua nuova giunta se eletti avrete tanta roba da fare ma tanta. Se avrete il coraggio di spezzare con il passato allora saranno 5 anni fruttuosi. Non rimanere annichiliti a maledire chi c’era prima. Già sappiamo che nulla è stato fatto. Ecco voi mi auguro nuova giunta dovrete FARE. Auguri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *